i calendari… luna e stelle…

L’anno nuovo.

Ho letto qualcosa che diceva “l’anno nuovo è come un libro con 365 pagine da scrivere”

Bella e vera, le scriveremo giorno dopo giorno ma… nello scriverle troveremo sempre delle indicazioni, degli “appunti di viaggio”, un “road-book”, delle cose che in qualche modo, “volenti o nolenti” metteremo in pratica anche se non sempre saranno cose belle e accettabili.

A volte troveremo degli appunti per fare delle cose che davvero non vogliamo nemmeno pensare.

Cosa sono questi appunti di viaggio già scritti, cosa sono queste “preimpostazioni”, che, nel “bene e nel male” comunque metteremo in atto?..

Nella vita, nelle cose quotidiane, noi rispondiamo ad una discreta serie di “comandanti”, alcuni interiori, alcuni esteriori, alcuni silenziosi, altri che urlano a gran voce… noi letteralmente viviamo nella esecuzione di programmi preimpostati che questi comandanti interiori ed esteriori ci impongono continuamente.

 

Chi sono questi comandanti interiori ed esteriori?

 

I comandanti interiori sono i nostri programmi “impostati” nel nostro inconscio, sono le nostre abitudini comportamentali, sono le indicazioni (poco ascoltate) della nostra anima e del nostro spirito, sono gli obblighi ai quali ci siamo sottomessi più o meno volontariamente (paternità, maternità, matrimonio, gruppi di lavoro, impegni vari ecc…), sono tutto ciò che sentiamo venire da dentro di noi e che ci fanno comportare in un certo modo.

I comandanti esteriori sono di diversa natura, a parte quelli materiali (i genitori, i nostri superiori sul lavoro, qualcuno che comanda sulla nostra vita materiale), ci sono anche dei comandanti spirituali, ed ancora, dei comandanti “astrali”.

Luna-e-Pleiadi

Le forze dei pianeti hanno dato prova di esistenza in molti modi diversi, il più evidente di tutti è la Luna che è capace anche di spostare le acque dei mari.

Queste forze, quelle della luna insieme a quelle che attraverso la Luna vengono caratterizzate ed amplificate, agiscono su tutto il mondo organico e minerale.

 

Tuttavia, dobbiamo sapere e prendere coscienza del fatto che queste sono soltanto forze, energie.

Come tali non sono fondamentalmente né cattive né buone.

 

La forza del mare ha modellato certe spiagge e certe scogliere di bellezza senza tempo… ma la stessa forza ha rovesciato migliaia di navi.
La forza del sole dà la vita sulla terra, ma la stessa forza ha ucciso persone nel deserto.
La forza del vento ha plasmato paesaggi e dato ossigeno e spostato nuvole e tant’altro di bello ma la stessa forza ha creato anche devastazioni…

sostanzialmente, nessuna forza è solo negativa o solo positiva, ma l’uomo ha la possibilità di usarle per sé nel migliore dei modi.

 

Così anche le forze astrali sono semplicemente delle forze, non c’è la forza negativa e nemmeno quella positiva per definizione.

Ci sono forze che vanno bene per alcune attività ed altre che vanno bene per altre attività.

download

In biodinamica, seguendo il calendario delle semine di Maria Thun, comunemente definito “IL CALENDARIO BIODINAMICO”, ci sono indicazioni per sapere quali tipi di forze avremo davanti a noi nei prossimi giorni, nel prossimo anno… tra queste indicazioni ci sono segnalate anche delle giornate di energie contrastanti in cui è bene NON intervenire nei lavori in campagna perchè in quelle giornate, le forze astrali non sono benefiche, anzi, potrebbero (e l’ho sperimentato più volte avendone solo conferme) addirittura rovinare un intero raccolto.

Ho poi potuto constatare che queste stesse forze contrastanti agiscono anche sull’uomo ed ho potuto vedere che… le persone malate, hanno la tendenza netta ad andare a fare i lavori più importanti proprio in quelle giornate contrastate… sostanzialmente loro in quelle giornate sentono una qualche forma di “risonanza interiore” che le porta ad essere più attivi, ma qual’è la loro attività profonda che genera queste esigenze di movimento proprio in quei giorni?

Evidentemente è una risonanza con qualcosa di esteriore.

Purtroppo, con questa risonanza loro non faranno altro che espandere nell’ambiente circostante il loro malessere interiore proprio attraverso il far ammalare un campo così come sono ammalati loro nel loro corpo.

 

Ma ritornando al dover scrivere in modo consapevole il calendario del nuovo anno…

Se impariamo a riconoscere le forze esteriori, comprese quelle astrali (che comunque non sono le uniche forze esteriori che agiscono su di noi), potremo utilizzarle anche per il nostro bene e benessere, anche fisico.

 

Per esempio, le giornate che per la biodinamica sono “negative”, sono giornate in cui le forze disarmoniche delle stelle e della luna provocano in noi dei disagi e, provocando questi disagi interiori ci permetterebbero (sapendole riconoscere) di prendere coscienza dei nostri problemi interiori prima che diventino gravi.

Sostanzialmente accade che, nelle situazioni in cui l’ambiente esterno ci mette alla prova, in noi emergono i disagi interiori che prima di quei contrasti non vedevamo, non è che non c’erano, ma semplicemente non erano in evidenza.

 

Ovviamente, l’influenza che abbiamo detto prima sul piano dell’agricoltura, cioè dove l’agricoltore malato ed inconsapevole andrà a fare le sue lavorazioni nelle giornate in cui ammalerà anche i suoi campi… è la stessa cosa nel piano dei rapporti umani, cioè una persona che non ha un solco di terra ma vive in città, farà la stessa cosa nei rapporti umani con i colleghi, con le persone che le quali si relazionerà, con i vicini di casa… creando disarmonie e problemi atti a manifestargli attraverso la reazione delle persone, proprio i suoi problemi interiori, attraverso l’esteriorità che lui avrà creato giorno dopo giorno andandosi a ricercare sempre più insistentemente quelle giornate di influenze astrali negative.

 

Tutto il mondo esteriore contribuisce a manifestare quel che sentiamo dentro, attraverso la nostra spinta interiore a “lavorarlo” (che sia in lavori agricoli o in lavori sociali… è la stessa cosa) proprio sotto l’influenza di quelle forze con le quali in quella giornata ci sentiamo in armonia.

 

Quindi, ritornando al nostro calendario da scrivere, e ritornando alle indicazioni già preimpostate…

 

Non troveremo delle pagine bianche, troveremo delle indicazioni di massima, ma NON SONO DEGLI ORDINI TASSATIVI e soprattutto non sono utilizzabili solo in un modo… sono solo indicazioni energetiche, poi, cosa farne di queste energie, starà a noi consapevolmente o inconsapevolmente attraverso la nostra personale combinazione di blocchi emotivi che sono sostanzialmente i nostri programmi inconsci.

 

Noi possiamo determinare cosa fare con quelle indicazioni, con quelle forze esteriori, noi possiamo decidere se utilizzarle per manifestare i nostri disagi inconsci oppure attraverso l’auto-osservazione, renderci conto delle forze astrali con le quali solitamente entriamo in armonia, tutto questo per poter riconoscere dentro di noi quale tipo di disagio si sta manifestando, quale tipo di disagio interiore stiamo mettendo fuori, quale tipo di disagio interiore la nostra anima ed il nostro inconscio ci stanno chiedendo di vedere, riconoscere e risolvere (magari) per sempre.

 

Non si può sfuggire a questo, non c’è un angolo del mondo dove queste forze non si manifestano allo stesso modo e nello stesso momento, non c’è un posto dove la nostra interiorità non troverà il modo di manifestarsi, non c’è un modo per evitarlo…

…a parte la presa di coscienza di quel che ci sta accadendo.

 

Solo comprendendo il perché profondo della nostra esigenza inconscia interiore possiamo comprendere il perché di certe manifestazioni esteriori cioè del nostro mostrarci al mondo in un certo modo apparentemente preimpostato… e attraverso quelle, risolvere per sempre la causa profonda.

 

Noi in realtà non creiamo quasi nulla, ma la nostra volontà interiore (non quella mentale) fa in modo che quel che ci circonda venga plasmato in base alle forze che ci sono in quel momento e da lì, si dà continuamente una nuova impostazione al mondo intorno a noi, che esso sia materiale, o sociale, o emotivo… è sempre da questo insieme di cose che tutto si genera.

 

La vita si genera da se, noi possiamo solo darle una raddrizzata e, comunque, consapevolmente o inconsapevolmente… lo facciamo sempre e da sempre.

Bruno e zodiaco.

Capire questi meccanismi non cambierà le forze astrali, ma potrà cambiare l’uso che ne facciamo e con questa consapevolezza potrà cambiare l’ambiente nel quale viviamo a cominciare da noi stessi, dalla nostra profondità, poi nel nostro corpo fino a tutto quel che ci circonda.

Il calendario delle semine, i vari calendari astrologici ed astronomici, non ci dicono se saremo fortunati oppure no, ci dicono solo che… con la nostra particolare configurazione emotiva inconscia, cioè con i nostri programmi inconsci, noi sotto certe influenze astrali avremo la tendenza a reagire… ma il COME REAGIRE, sarà determinato dalla nostra consapevolezza che ci può permettere di utilizzare in un modo più proficuo quelle forze esteriori.

Come agiscono le forze esteriori in noi?

come agiscono all’esterno?

come noi possiamo determinare il mondo esteriore agendo in un modo o in un’altro?

 

Tutto è basato sul PRINCIPIO DEL CAOS.

Rudolf_Steiner_1

Secondo Rudolf Steiner, la natura tende sempre ad un equilibrio.

Per natura non si intende solo la campagna o il bosco, ma proprio tutto, anche il mondo minerale e quello animale, dagli insetti ai mammiferi.

 

Anche il nostro corpo è soggetto alle forze della natura e come tale non solo reagisce, ma si modifica e si plasma esattamente come modifichiamo e plasmiamo anche un campo di pomodori agendo consapevolmente nel rispetto di certe forze astrali invece che di altre.

 

Dicevamo, il principio del caos…

dicevamo, secondo Steiner, ogni cosa, dopo il caos, tende a ritrovare un equilibrio.

 

In ogni tentativo di ritrovo di un equilibrio, la materia organica cerca delle nuove istruzioni e, queste nuove istruzioni sostanzialmente le troverà “anche” nelle forze astrali, cioè nelle forze della luna e delle stelle.

 

Le forze in gioco in quel momento, nel momento in cui è finito il caos, determineranno una nuova caratterizzazione nel soggetto, che sia animale o vegetale o umano…

 

Questo noi lo facciamo sempre, consapevolmente o inconsapevolmente, che lo vogliamo o no, lo facciamo sempre.

 

Ogni nostra azione nel mondo determina un cambiamento e come tale un caos e come tale… dal caos rinascerà sempre un nuovo ordine e tale ordine, prenderà istruzioni dalle forze in campo in quel momento.

 

Principalmente le forze astrali, ma non solo quelle.

 

Ci sono anche altre forze che interagiscono, per esempio mi viene in mente la forza dell’intenzione… cioè la nostra volontà… ma di quale volontà parliamo?

 

Certamente NON quella mentale, certamente saranno quelle volontà che ci spingono da dentro in modo più o meno silenzioso e che determinano quei modi di comportarci che ci fanno dire spesso…

“non posso farci nulla… io sono fatto così e così dovete accettarmi”… quella fesseria che chiamiamo… CARATTERE.

 

Dove e come nasce il nostro carattere?

 

Il giorno della nostra nascita è determinante nella definizione di alcuni tratti caratteriali proprio perchè, in quel momento, nel momento del più grande caos della nostra vita, noi abbiamo preso “istruzioni” dalle forze astrali che c’erano in quel momento e in quel punto.

 

Noi nella nostra vita avremo la tendenza a fare qualcosa di importante sempre in armonia con le forze astrali con le quali siamo già in sintonia, avremo la tendenza a rafforzare la nostra armonia interiore così da poterla vedere manifestata anche nel mondo esteriore nella modalità di cui abbiamo parlato prima.

Ma, paradossalmente ci sarà sempre una parte di noi che cercherà di entrare in risonanza con persone che ci porteranno ad entrare in risonanza anche con le forze astrali che di solito per “istinto” evitiamo (il principio dell’innamoramento).

 

Se subentreranno delle malattie (che comunque sono sempre il risultato di una estremizzazione manifesta di alcune nostre disarmonie interiori), noi cominceremo ad avere la tendenza ad entrare in armonia con le forze disarmoniche e questo, come abbiamo detto prima, porterà nel mondo esteriore, attraverso il principio del caos tutto quello che noi sentiamo dentro di noi.

È in questo modo che noi plasmiamo il mondo che ci circonda, è da questa profondità che noi agiamo nel mondo che ci circonda determinandone la forma, il valore, la salubrità o la malattia… il tutto… e da questo dato di fatto che è nata la teoria degli specchi che riflettono il nostro mondo interiore attraverso l’osservazione del mondo che ci circonda.

Ma ritorniamo al calendario da scrivere…

Se diventiamo consapevoli delle nostre volontà interiori, se impariamo a fare una sana e costante e quotidiana auto-osservazione, se impariamo a renderci conto della profondità alla quale tutto si origina, se impariamo a “leggere” il mondo che ci circonda come una matrice più ampia di quel che abbiamo dentro… cominceremo ad avere una maggiore libertà fino a liberarci totalmente da ogni comandante, soprattutto da quelli interiori e solo a quel punto potremo davvero liberamente scrivere il nostro calendario così come vogliamo… e mi ritorna in mente una “battuta” ricorrente nel mondo olistico.

 

Quando credevi di aver trovato tutte le risposte, la vita ti ha cambiato tutte le domande…

cuore di bue acerbo.

 

 

 

 

 

(continua…)

 

Leggi anche… http://osservazionequantica.altervista.org/linconscio-gli-specchi-lambiente-e-la-guarigione-spontanea/

leggi anche.. Conosci Te stesso. http://osservazionequantica.altervista.org/603-2/

One thought on “i calendari… luna e stelle…

Comments are closed.